«Un frutto fuori stagione». Osservazioni su Roberto Vivarelli e le origini del fascismo