Milano 1964. Vittorio Gregotti, Umberto Eco e la storiografica del design come “opera aperta”