Il problema della riconoscibilità di sentenze comminatorie di punitive damages: alcuni spunti ricostruttivi