Verso la decisione delle Sezioni Unite sulla questione dei danni punitivi tra ostacoli apparenti e reali criticità