I Cantarella. Una coppia antifascista e un «network of poveracci»