Memorie catulliane e virgiliane nel "Giugurta" di Arthur Rimbaud