Walter Benjamin e il "Programma per un teatro proletario di bambini": una rilettura