Estetica del disgusto. Mendelssohn, Kant e i limiti della rappresentazione