Il Congresso di Milano fra suono e segno