Nota a sentenza Corte EDU, 10 febbraio 2015, causa 53753/12, secondo la quale è improcedibile, per violazione del principio del ne bis in idem garantito dall’art. 4 del Protocollo n. 7 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, l’azione penale avviata nei confronti del contribuente al quale sia stata già irrogata in sede amministrativa una sanzione tributaria in relazione al medesimo fatto, materialmente considerato, a prescindere dalla sua differente qualificazione giuridica nelle due diverse branche del diritto domestico

Il divieto di “cumulo” dei procedimenti tributario e penale

piantavigna
2015

Abstract

Nota a sentenza Corte EDU, 10 febbraio 2015, causa 53753/12, secondo la quale è improcedibile, per violazione del principio del ne bis in idem garantito dall’art. 4 del Protocollo n. 7 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, l’azione penale avviata nei confronti del contribuente al quale sia stata già irrogata in sede amministrativa una sanzione tributaria in relazione al medesimo fatto, materialmente considerato, a prescindere dalla sua differente qualificazione giuridica nelle due diverse branche del diritto domestico
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/1314992
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact