Corpi, schermi e “macchine che corrono”: la rappresentazione della performance nella Electronic Dance Music