Non c’è due senza tre. In margine alla nuova edizione de “Il libro antico” di Lorenzo Baldacchini