I “terzi” e l’attività di valutazione tecnico-scientifica tra tutela della salute e mercato interno