Il critico come «tecnico dell’arte» e «critico sperimentale»: Carlo Magenta, Rodolfo Maiocchi e l’avamposto pavese del circolo morelliano