Le mutazioni iniziali delle lingue celtiche: implicazioni teoriche di un unicum