Cesare Beccaria e la pena di morte