Aspetti dell’edizione critica di opere giurisprudenziali. L’esempio del de officio proconsulis di Ulpiano