Gioco e affettività: la lezione della psicoanalisi