Diffrazioni e dicotomie nella teoria modale del Rinascimento