Il saggio traccia la storia di due bibliotecari celebrati per le loro straordinarie conoscenze linguistiche: Giuseppe Gaspare Mezzofanti, direttore della Biblioteca Universitaria, poi della Congregazione per la Propagazione della Fede a Roma e infine Primo Custode della Biblioteca Vaticana, e Thomas Watts, bibliotecario presso il British Museum, collaboratore di Antonio Panizzi e responsabile per la politica delle acquisizioni, la classificazione e collocazione dei volumi e il servizio di reference nella Sala di consultazione (la Round Reading Room, realizzata per iniziativa di Panizzi). Di quest'ultimo, assai meno noto del primo, viene esaminato il modo in cui le conoscenze linguistiche assai fuori dal comune (parlava infatti correntemente oltre 50 lingue e dialetti) siano state da lui impiegate a beneficio dell'istituzione presso la quale operava come bibliotecario. Vengono, inoltre, illustrati i testi nei quali Watts si è occupato di Mezzofanti, con uno studio biografico e due recensioni a volumi pubblicati in quegli anni sullo stesso, contribuendo significativamente alla popolarità di Mezzofanti come linguista al di fuori dell'Italia..

Quando il bibliotecario è un iperpoliglotta. Thomas Watts (1811-1869) incontra Giuseppe Gaspare Mezzofanti (1774-1849)

Paul Gabriele Weston
2020

Abstract

Il saggio traccia la storia di due bibliotecari celebrati per le loro straordinarie conoscenze linguistiche: Giuseppe Gaspare Mezzofanti, direttore della Biblioteca Universitaria, poi della Congregazione per la Propagazione della Fede a Roma e infine Primo Custode della Biblioteca Vaticana, e Thomas Watts, bibliotecario presso il British Museum, collaboratore di Antonio Panizzi e responsabile per la politica delle acquisizioni, la classificazione e collocazione dei volumi e il servizio di reference nella Sala di consultazione (la Round Reading Room, realizzata per iniziativa di Panizzi). Di quest'ultimo, assai meno noto del primo, viene esaminato il modo in cui le conoscenze linguistiche assai fuori dal comune (parlava infatti correntemente oltre 50 lingue e dialetti) siano state da lui impiegate a beneficio dell'istituzione presso la quale operava come bibliotecario. Vengono, inoltre, illustrati i testi nei quali Watts si è occupato di Mezzofanti, con uno studio biografico e due recensioni a volumi pubblicati in quegli anni sullo stesso, contribuendo significativamente alla popolarità di Mezzofanti come linguista al di fuori dell'Italia..
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/1364774
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact