L’orizzonte come palude definitiva. Appunti su neorealismo e fatica