Emilio De Marchi un secolo dopo