Il pubblico tra manifesti e film