«Parlar chiaro» di cinema: spettatrici aspiranti critiche