Un ‘archivio’ per Ugo Tognazzi?