Asimmetria e non-reversibilità nella metafisica di Platone