Platone illuminista? A proposito di un libro di Mario Vegetti