This review article describes different techniques to prepare MIP-based chiral stationary phases specifically designed for capillary electrochromatography, to separate drug enantiomers (e.g. propranolol). In questa review si passano in rassegna le diverse tecniche di sintesi e di impaccamento per coniugare l’impiego dei MIPs come fasi stazionarie, spesso chirali, e l’ elettrocromatografia capillare (CEC), con l’intento di valutare limiti e benefici di una tecnica recente e ancora in via di sviluppo. I diversi formati vengono descritti unitamente ad alcuni esempi di riconoscimento, soprattutto enantioselettivo, di principi attivi di interesse farmaceutico.

Approaches to imprinted stationary phases for affinity capillary electrochromatography. REVIEW ARTICLE

DE LORENZI, ERSILIA
2004

Abstract

This review article describes different techniques to prepare MIP-based chiral stationary phases specifically designed for capillary electrochromatography, to separate drug enantiomers (e.g. propranolol). In questa review si passano in rassegna le diverse tecniche di sintesi e di impaccamento per coniugare l’impiego dei MIPs come fasi stazionarie, spesso chirali, e l’ elettrocromatografia capillare (CEC), con l’intento di valutare limiti e benefici di una tecnica recente e ancora in via di sviluppo. I diversi formati vengono descritti unitamente ad alcuni esempi di riconoscimento, soprattutto enantioselettivo, di principi attivi di interesse farmaceutico.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/138056
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 56
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 52
social impact