Due note sulla ricezione di Isidoro nella tradizione enciclopedico-grammaticale