Sulla catalogazione delle lettere ittite: il caso della corrispondenza reale assiro-ittita