Letteratura, tecnologia e bioetica. Le vicissitudini della corporeità nella narrativa inglese e americana tra Ottocento e Duemila