Una via ‘musicale’ al mistero celebrato?