Quale ‘partecipazione attiva’, in canto e musica, alla liturgia? Questioni e sensi