L'oggetto della conoscenza di sé nell'‘Alcibiade primo’: tra dialogo interpersonale e pensiero della trascendenza