«Basta! Lei ne sa più di me». Dello scrivere oscuro e la questione della disuguaglianza