Legittimità democratica, giustificazioni pubbliche e parità epistemica. Una replica a Baccarini e Pasquali