Watts, Panizzi e un catalogo nuovo