Dalla violenza dell'anonimato, all'esperienza della pluralità