«Siamo stati così bene insieme». Lettere di Camillo Sbarbaro a Ferdinando Cogni