Sulla convergenza alle aspettative razionali: le implicazioni di un caso non-lineare