Gramsci e il marxismo come storicismo assoluto