Umano e non-umano in Primo Levi. Una lettura darwiniana