Superfici ed essenze nell'Oro del Reno. La "Verwandlungsmusik" come teatro delle analogie