Dear Data. Pratiche di resistenza artistica alla tracciabilità del Sé