In occasione del XV centenario della morte di Magno Felice Ennodio (521 - 2021), decimo vescovo di Pavia, santo e figura complessa di religioso e letterato in lingua latina, il successore di quest’ultimo sulla cattedra pavese, monsignor Corrado Sanguineti, ha assunto l’iniziativa di indire un “Anno Ennodiano”, invitando alcuni esponenti della società civile, culturale e religiosa a costituire un comitato allo scopo di proporre e coordinare iniziative di vario ambito e diversa destinazione. Il presente volume nasce appunto da questo motivato contesto cittadino come intervento di buona e affidabile divulgazione, per rendere familiare la figura di Ennodio ai pavesi che non la conoscono nelle sue varie pieghe e, in generale, rivolgendosi ai cultori dell’antichità interessati ad approfondire un momento storico-culturale che fra l’altro sa mostrare sensazionali consonanze con taluni aspetti della nostra epoca. Così si è cercato di proporre, più che una vera e propria biografia, una narrazione basata sui dati noti riguardanti la vita del personaggio. Tali notizie provengono in massima parte proprio dagli scritti ennodiani, e per questo la scelta è stata quella di far parlare lo stesso autore, a commento di alcuni momenti salienti della sua vita, attraverso la traduzione di alcuni passi a vario titolo significativi. Inoltre è stata prestata attenzione ad alcuni esponenti della storiografia locale pavese, che interpretano la tradizione al proposito aggiungendo una ulteriore dimensione critica in grado di documentare la rilevanza di Ennodio a livello di vero e proprio culto della personalità. Il racconto biografico è arricchito da tavole originali del maestro Marco Giusfredi. Con la sua consueta attenzione alla ricostruzione storica delle immagini egli ha saputo illustrare i diversi momenti cogliendo sensazioni e aspetti peculiari, donando altresì un volto al personaggio nelle diverse stagioni della sua esistenza. Il progetto dell’opera è stato inoltre concordato con Luisa Erba, che con la sua competenza storico-artistica e con la sua passione per la storia patria ha garantito un apporto critico e documentario davvero prezioso.

Ennodio di Pavia. Letterato e vescovo

Gasti Fabio
2021

Abstract

In occasione del XV centenario della morte di Magno Felice Ennodio (521 - 2021), decimo vescovo di Pavia, santo e figura complessa di religioso e letterato in lingua latina, il successore di quest’ultimo sulla cattedra pavese, monsignor Corrado Sanguineti, ha assunto l’iniziativa di indire un “Anno Ennodiano”, invitando alcuni esponenti della società civile, culturale e religiosa a costituire un comitato allo scopo di proporre e coordinare iniziative di vario ambito e diversa destinazione. Il presente volume nasce appunto da questo motivato contesto cittadino come intervento di buona e affidabile divulgazione, per rendere familiare la figura di Ennodio ai pavesi che non la conoscono nelle sue varie pieghe e, in generale, rivolgendosi ai cultori dell’antichità interessati ad approfondire un momento storico-culturale che fra l’altro sa mostrare sensazionali consonanze con taluni aspetti della nostra epoca. Così si è cercato di proporre, più che una vera e propria biografia, una narrazione basata sui dati noti riguardanti la vita del personaggio. Tali notizie provengono in massima parte proprio dagli scritti ennodiani, e per questo la scelta è stata quella di far parlare lo stesso autore, a commento di alcuni momenti salienti della sua vita, attraverso la traduzione di alcuni passi a vario titolo significativi. Inoltre è stata prestata attenzione ad alcuni esponenti della storiografia locale pavese, che interpretano la tradizione al proposito aggiungendo una ulteriore dimensione critica in grado di documentare la rilevanza di Ennodio a livello di vero e proprio culto della personalità. Il racconto biografico è arricchito da tavole originali del maestro Marco Giusfredi. Con la sua consueta attenzione alla ricostruzione storica delle immagini egli ha saputo illustrare i diversi momenti cogliendo sensazioni e aspetti peculiari, donando altresì un volto al personaggio nelle diverse stagioni della sua esistenza. Il progetto dell’opera è stato inoltre concordato con Luisa Erba, che con la sua competenza storico-artistica e con la sua passione per la storia patria ha garantito un apporto critico e documentario davvero prezioso.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/1446394
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact