La bellezza screziata di "Maredè, maredè..."