Le Sezioni Unite chiariscono che i reati di esercizio arbitrario delle proprie ragioni hanno carattere proprio e, in caso di concorso di persone, la condotta tipica può essere realizzata anche da un soggetto diverso dal titolare del preteso diritto; ribadiscono inoltre che la fattispecie sanzionata dall’art. 393 c.p. si differenzia dall’estorsione sotto il profilo dell’elemento soggettivo. La sentenza ha il merito di porre un freno agli orientamenti più estremi, senza peraltro trascurare le esigenze di tutela emerse nella prassi.

La natura dei reati di ragion fattasi e il loro rapporto con la fattispecie di estorsione: alcuni chiarimenti dalle Sezioni Unite

Braschi Sofia
2021

Abstract

Le Sezioni Unite chiariscono che i reati di esercizio arbitrario delle proprie ragioni hanno carattere proprio e, in caso di concorso di persone, la condotta tipica può essere realizzata anche da un soggetto diverso dal titolare del preteso diritto; ribadiscono inoltre che la fattispecie sanzionata dall’art. 393 c.p. si differenzia dall’estorsione sotto il profilo dell’elemento soggettivo. La sentenza ha il merito di porre un freno agli orientamenti più estremi, senza peraltro trascurare le esigenze di tutela emerse nella prassi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/1447797
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact