Di un antico modulo retorico negli sciolti leopardiani al Pepoli