"And the winner is ...”: qualche considerazione sull’”election night” del 14 aprile