Un problema di ecdotica: la distinzione dei pensieri nello «Zibaldone» di Leopardi